Ristorante Bocado: il meglio del Mediterraneo arriva a Milano

20 Novembre 2020 • Luxury-Escape

Bocado Mediterraneo, una creatività dal sapore iberico

Il nuovo ristorante Bocado di Milano è tradizione e innovazione ispirata alla cucina spagnola e mediterranea, in un’atmosfera accogliente e familiare dove ricercatezza è la parola d’ordine.

Ristorante Bocado arriva a Milano

Dopo il grande successo a Luino, sulla riva del Lago Maggiore, a settembre il Bocado Mediterraneo è arrivato anche a Milano. Il ristorante dal sapore iberico ha aperto in via Tortona nell’hub di Adecco, in una delle zone della città dove esplode la creatività. Aperto tutto il giorno, il Bocado offre piatti raffinati e genuini perfetti per una colazione, un pranzo o un aperitivo diverso dal solito.

Cos’è Bocado Milano?

Il Bocado porta a Milano tutto il meglio del Mediterraneo, unendo tradizione e innovazione, qualità e ricercatezza. Questo ristorante dai richiami spagnoli trae ispirazione dalla cucina mediterranea per stupire tutti i palati con creatività, cura e dedizione. Dietro a ogni piatto c’è un’attività di ricerca che permette di offrire i migliori ingredienti con accostamenti di classe che lasciano senza parole.

I particolari del locale trasmettono un’atmosfera accogliente e familiare, tranquilla e curata. Un ambiente adatto a famiglie ma anche a coppie, a gruppi di amici o a pranzi di lavoro fra colleghi. Sorseggiando uno dei vini dalla vasta scelte della cantina, potrete condividere tapas con i vostri amici, o gustare una squisita paella fatta a regola d’arte. Il vasto menù a base di eccellenze del Mediterraneo dal tocco spagnolo è disponibile sia nel locale che da asporto, dalla mattina alla sera.

Innovazione, creatività ed eccellenze culinarie: tutto questo è Bocado Mediterraneo. Se cerchi un posto diverso dal solito che unisca qualità e ricercatezza in un ambiente familiare, non puoi sbagliarti: Bocado in via Tortona a Milano. Per maggiori e ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito ufficiale del locale.

 

di Giulia Rovai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *