I Musei del Cibo di Parma: l’arte tutta italiana di mangiare bene

5 Maggio 2020 • Art, Lifestyle

I Musei del Cibo di Parma: quando il cibo diventa arte

Parma, nominata quest’anno capitale della cultura 2020, offre ai visitatori grandi capolavori dell’arte pittorica, come la cupola di S. Paolo affrescata dal Correggio, i capolavori del Parmigianino o del Bernabei; questa città però racchiude in sé un altro “tipo” di cultura, fondamentale per il nostro Paese, di cui siamo orgogliosissimi, e che ci rende famosi nel mondo intero: la cultura enogastronomica.

Le meraviglie culinarie del parmense

Fin dal 2000 la Provincia di Parma, attraverso l’assessorato Agricoltura e Attività Produttive e l’assessorato al Turismo, varava il progetto dei Musei del Cibo di Parma per la valorizzazione in varie località del territorio provinciale delle produzioni tipiche.

I 7 vizi culinari: un viaggio alla scoperta dell’eccellenza parmense

Il circuito dei Musei del Cibo è molto vasto e si articola in ben sette sedi, ciascuna dedicata a un prodotto particolare dell’eccellenza parmense: Parmigiano Reggiano, il Culatello di Zibello, il Salame di Felino, il vino della zona, la pasta, il pomodoro e il leggendario prosciutto di Parma.

Ciascun Museo cerca di introdurre il visitatore nello sconfinato universo del prodotto alimentare: le sue origini, la storia del territorio in cui viene prodotto, le materie prime di eccelsa qualità, i tipi di lavorazione, i macchinari d’epoca con cui veniva realizzato, le tecnologie di oggi, l’imballaggio, la distribuzione, la promozione pubblicitaria e tanto altro.

I Musei del Cibo, oltre che essere all’avanguardia per quanto concerne la loro intima raison d’etre, si dimostrano al passo con i tempi (compresi quelli di odierna quarantena) per quanto riguarda le iniziative digitali, la foto e video gallery, e anche la parte didattica dedicata alle scuole, con laboratori (anche da remoto) per i più piccini.

I Musei del Cibo, situati in magnifiche location come l’ex Foro Boario di Langhirano, la Rocca di Sala Baganza e la Corte di Giarola a Collecchio, offrono un percorso conoscitivo sensoriale a tutto tondo, coronato dal gran finale degli assaggi, compimento “obbligatorio” di questo gustoso viaggio tra le meraviglie culinarie del parmense.

 

di Alessandra Baio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *