Le fate ignoranti, dal film alla serie: 20 anni dopo il capolavoro di Ozpetek in arrivo su Disney+

La prima serie originale italiana Disney in arrivo dal 13 aprile con 8 episodi tratti dal celebre e omonimo film

Disponibile prossimamente in più di 50 paesi al mondo una rilettura del lavoro dello stesso regista Ferzan Ozpetek

Il romantic drama Le fate ignoranti, tratto dall’omonimo film campione d’incassi e fenomeno culturale, è disponibile su Star all’interno di Disney+. La serie è scritta da Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli, Carlotta Corradi e Massimo Bacchini, diretta dal regista in collaborazione con Gianluca Mazzella e prodotta da R&C Produzioni. Per Le Fate IgnorantiMina interpreta “Buttare l’amore”, il brano originale e sigla della serie. Nel 2001 il film Le fate ignoranti “aprì al pubblico delle famiglie un mondo nuovo e diverso”, racconta Ferzan Ozpetek a proposito del film che affrontava in modo nuovo temi come l’amicizia e l’omosessualità. Un film che ha segnato la sua carriera. “È diventato un culto”, sottolinea lo sceneggiatore, allora del film e ora della serie, Gianni Romoli. 

Il cast

La serie vede tra i protagonisti Cristiana Capotondi, che interpreta Antonia, dirigente di un laboratorio medico rimasta sconvolta dalla perdita del marito; Eduardo Scarpetta (Michele), insieme a Luca Argentero, alias Massimo, il quale è un dirigente di un export-import. Bello, seducente, innamorato sia di Antonia che Michele. È la Voce Narrante della storia. La sua improvvisa assenza si trasforma in una presenza costante nei sentimenti degli altri e ne determina i comportamenti. Nel cast anche Serra Yilmaz (Serra), Ambra Angiolini nei panni di Annamaria, astrologa e cartomante, la quale vive con Roberta, che la costringe a confrontarsi con un nuovo modo di amare. Anna Ferzetti (Roberta), Paola Minaccioni (Luisella), Burak Deniz (Asaf), Carla Signoris (Veronica), Filippo Scicchitano (Luciano) e Edoardo Purgatori nel ruolo di Riccardo, il quale lavora in banca e con Luciano forma la coppia più regolare, squadrata e ‘normale’ della Casa. Il cast include anche Edoardo Siravo (Valter), Lilith Primavera (Vera), Samuel Garofalo (Sandro), Maria Teresa Baluyot (Nora), oltre a Patrizia Loreti, Giulia Greco e Mimma Lovoi nel ruolo delle Tre Marie.

La trama

La trama de “Le Fate Ignoranti” ricalca quella del film, seppur attualizzandola. Alla morte improvvisa di Massimo in un incidente stradale, Antonia scopre la sua relazione omosessuale con Michele. Devastata dalla notizia, si ritroverà a stringere un’amicizia inaspettata e commovente con Michele e la sua cerchia di amici eccentrici, dai quali non si ritrova distante. A più di vent’anni dal film, Le Fate Ignoranti, però, come ha spiegato lo stesso Ozpetek, non sarà tanto la relazione con un uomo a sconvolgere Antonia quanto i tradimenti intellettuali ed emotivi del marito.

Parlando della serie Ozpetek ha spiegato: “Rispetto a vent’anni fa oggi se una donna scopre che il marito la tradisce con un lui non si stupisce più di tanto. Ma quel che ferisce il personaggio di Antonia, Cristiana Capotondi, è l’esistenza di un mondo del marito che ha sottratto alla sua vita”. Ragionando su come è cambiata la società spiega, “vent’anni fa c’era più apertura. Non c’erano ancora le Torri Gemelle, eravamo più liberi. Oggi, non so perché, siamo diventati più bigotti. Ma questo vale solo per gli adulti, perché invece nei giovani riscontro una grande apertura, una mentalità completamente diversa”.

Ozpetek ha poi parlato del rapporto con Disney: “Penso che loro si focalizzano sulle persone, più che sulla comunità Lgbtq. C’è la voglia di portare fluidità nelle cose, parlare dell’amore e dell’uomo in generale. Tutti apparteniamo all’umanità, siamo uguali e diversi. Nella mia carriera ho sempre cercato di mischiare le carte, non definisco una persona solo in un modo o in un altro. Una giornalista mi disse – continua Ozpetek – perché inserivo sempre temi o personaggi omosessuali e risposi: non sono io che li metto, sono gli altri che li tolgono. Questo è l’atteggiamento della Disney, non li toglie”.

La coppia più “estrema” è quella di Annamaria (Ambra Angiolini) e Roberta (Anna Ferzetti), nuova rispetto al film. ”Dopo tanti anni di teoria e Gay Pride finalmente arriva la pratica – afferma ironica Ambra Angiolini – in tutte le puntate abbiamo cercato di guardarci come due innamorati e ci siamo dimenticate di essere due donne”. Sono a loro che vengono affidate le scene più esplicite ed erotiche della serie.

Oltre a Mina, il regista ha inserito brani come Glicine di Noemi e Cocktail d’amore di Stefania Rotolo. E sono solo i brani delle prime due puntate! Per sapere altro non ci resta che guardare la serie.

di Flaminia Eboli

Lascia un commento

Your email address will not be published.