Un Dicembre letterario racconta un nuovo inverno

Il nuovo numero di Gilt accoglie l’incantesimo dell’inverno e vuole così tessere le lodi della Letteratura. Spicca in copertina Donato Carrisi

COVER CREDITS

Ph: Gianmarco Chieregato

Dicembre è il protagonista indiscusso dell’inverno. Mese carico di magia e dei sogni più puri, quelli che riportano indietro nel tempo, a quando da bambini non si aspettava altro che l’arrivo di una slitta colma di regali guidata da un uomo canuto e pasciuto che in tutta velocità, in una sola notte, era in grado di raggiungere tutti i bambini del mondo. Dicembre è come una favola, una storia degna di un romanzo dal gran finale.

Il nuovo numero di Gilt accoglie l’incantesimo dell’inverno e vuole così tessere le lodi della Letteratura. Spicca come volto principale in copertina quello di Donato Carrisi, maestro del thriller italiano per antonomasia, nonché il più venduto al mondo, con uno spiccato talento di narratore. Il suo ultimo romanzo, “La casa delle luci”, ha già venduto oltre 215.000 copie ed è stato tradotto in più di 30 lingue. Nella sezione Interviste, Carrisi ci racconta in esclusiva qualcosa in più del suo ultimo bestseller e del suo approccio alla scrittura.

Una fedele alleata della Letteratura è la Moda, e insieme costituiscono un binomio pressoché indissolubile. Nella sfera del Fashion, infatti, il focus è dedicato ai brand strettamente connessi all’universo dei libri e della lettura, e in particolare a Valentino, con il suo progetto “The Narratives”, giunto al secondo capitolo, e Louis Vuitton, con “La librairie éphémère”, che vuole ridare luce alle edicole.

Non resta che immergersi nel mondo della letteratura e scoprire tutte le news che questo nuovo numero ha da offrire e raccontare. Perchè come ci ha rivelato Doris May Lessing, scrittrice zimbabwese di origine britannica, vincitrice nel 2007 premio Nobel per la letteratura con la motivazione di essere «cantrice dell’esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa»: “Non vi è alcun dubbio che la letteratura fa un lavoro migliore della verità”.

di Clara Bacchetta

Lascia un commento

Your email address will not be published.