Katerina Mina, la voce di soprano conosciuta in tutto il mondo

16 Novembre 2018 • Bloggers

  1. IKaterina Mina è una cantante d’opera londinese dalle origini greche. Dopo i suoi primi studi a Cipro si è trasferita a Londra per studiare alla Guildhall School of Music & Drama. Inizialmente Katerina si stava allenando per diventare una pianista da concerto, ma il suo amore e la sua passione per il canto subentrarono. Decise dunque di dedicarsi al canto e intraprendere la sua carriera artistica come cantante d’opera.

Ciao Katerina, che piacere avere l’opportunità di scambiare quattro chiacchiere con te! Dunque, tu sei una tra le più talentuose voci di soprano a livello mondiale. Vuoi dirci come tutto è iniziato?

Grazie mille per le parole gentili e l’invito a far parte della straordinaria rivista GILT; sono entusiasta di fare questa piccola chiacchierata insieme! Beh, penso di essere nata con questa passione. Quando avevo quattro anni mi sono avvicinata ai miei genitori e ho chiesto loro se potevo iscrivermi alle lezioni di danza classica. Poi, quando avevo sei anni, ho chiesto loro di comprare un pianoforte per me, perché volevo imparare a suonarlo. Mi sono allenata come musicista classico per tutta la vita, ricevendo la mia prima educazione musicale al Conservatorio Nazionale di Cipro, dove sono nata, un paese con pochissima tradizione nella musica classica. Ho iniziato con il balletto, aggiungendo lezioni di pianoforte poco dopo, e quando avevo 16 anni mi sono unita al coro del Conservatorio; a quel punto il Maestro del Coro ha chiamato mia madre per dirle che avevo una voce molto speciale e che dovevo allenarla classicamente. Ecco come è iniziato tutto. Ero una principiante in ritardo come cantante, e quindi ho fatto un’audizione per entrare nelle scuole di musica di Londra come pianista! Sono entrata alla Guildhall School of Music & Drama come pianista da concerto e cinque anni dopo mi sono diplomata come cantante d’opera. A metà dei miei studi, ho deciso di fare un’audizione per unirmi ai cantanti del 3 ° anno. Ho avuto successo e non mi sono mai pentita di aver fatto quella scelta e il cambio di strumento.

Che significato ricopre per te la Musica e come pensi possa essere importante per gli essere umani?

La musica è la mia vita e la mia vita è musica! Non c’è nulla che io faccia, pensi o dica che non sia collegato ad essa e a tutto ciò che la riguarda, che si tratti di musica classica, opera, jazz o altri generi. L’unica altra cosa che è ugualmente importante e che ha un effetto simile nella mia vita, è la mia famiglia. La musica è universale ed è essenziale per la razza umana. È terapeutica in tanti modi, per tante persone diverse con esigenze differenti. Guarisce l’anima e la mente, e ci aiuta a vedere o sentire le cose in un modo diverso, più positivo e migliore. La musica mi soddisfa al massimo. Mi libera dalle mie paure, mi rende felice, nutre il mio spirito…E aiuta il mio corpo a rimanere vivo!

Tanti anni fa hai dovuto arrestare la tua carriera a causa di un particolare tumore del sangue. Fortunatamente, seguendo delle cure importanti, hai ricominciato a cantare nel 2013. Qual è il messaggio che vuoi mandare a chi ogni giorno soffre con questi problemi di salute?

Per me qualsiasi tipo di malattia è un segno di “autorizzazione” da cui nascono bontà e crescita spirituale. Per quanto una malattia sia dolorosa, seria o difficile, rimane una situazione non privilegiata che dobbiamo in primo luogo accettare e poi affrontare nel miglior modo possibile. Vorrei esortare le persone con problemi di salute ad ascoltare i consigli del loro medico e ad avere fiducia nella medicina e in se stessi. Inoltre, è molto importante essere consapevoli del nostro corpo e dei segni che ci dà; esaminare senza indugio eventuali problemi medici e fidarsi del nostro istinto. Le terapie alternative possono essere utili, ma nel caso del cancro o di altre malattie altrettanto gravi, le persone non devono fare affidamento solo su loro stesse.

Hai vinto molti premi e ti sei esibita per il fisico teorico Stephen Hawking e con la leggenda del rock Rick Wakeman alla Queen Elizabeth Hall. Come sono state queste esperienze per te?

Considero ogni mia performance una benedizione. Mi è stato chiesto di esibirsi alla cerimonia di chiusura del Festival Internazionale di Astronomia di STARMUS, dove a presenziare c’erano Stephen Hawking e Alexey Leonov, è stato davvero speciale! Un’esperienza unica, cantare la musica di Alexandros Hahalis di fronte a migliaia di persone presenti all’Auditorio di Tenerife che erano lì per vedere Stephen Hawking. Ho ricevuto la standing ovation più grande e sorprendente di sempre. Inoltre, è stato durante quel concerto che ho incontrato la leggenda del rock Rick Wakeman, che ha ascoltato la mia voce per la prima volta e le è piaciuta così tanto che mi chiesto di essere uno dei suoi ospiti speciali al concerto sinfonico che ha tenuto alcuni mesi dopo alla Queen Elizabeth Hall a Londra. Anche esibirsi al fianco di Rick Wakeman è stata un’esperienza straordinaria che non dimenticherò mai. Rick mi ha chiesto di cantare, tra gli altri brani, Help by dei Beatles.

Il tuo album di debutto “Angel of Fire”, in collaborazione con la Royal Philharmonic Orchestra e il direttore d’orchestra Grzegorz Nowak, è stato recentemente pubblicato dall’etichetta discografica dell’orchestra. Sei soddisfatta di questa produzione? Perché hai scelto il nome “Angel of Fire” come titolo del CD?

Questo nuovo album ricopre un ruolo molto importante nella mia carriera, in quanto è l’album di debutto che segna il mio ritorno dopo essere guarita dal cancro. Include alcune tra le più amate arie d’opera e anche due brani in prima mondiale del compositore svizzero Stephan Hodel, basati su due miei poemi chiamati proprio “Love” e “Angel of Fire”. Tutti alla Royal Philharmonic Orchestra e al team di produzione hanno adorato il titolo “Angel of Fire” per il CD, quindi abbiamo deciso di usarlo. Questo bellissimo album di debutto è un’enorme produzione, e non posso che essere davvero molto soddisfatta!

Esegui musica di compositori illustri, come Puccini, Verdi, Beethoven, Wagner (etc.). Hai qualche particolare preferenza?

Adoro assolutamente suonare la musica di compositori che rappresentano lo stile del Verismo, che è un modo post-romantico di scrivere un’opera e di ritrarre il mondo con grande realismo. Il Verismo è associato a compositori italiani quali Giacomo Puccini, Umberto Giordano, Ruggero Leoncavallo, Pietro Mascagni e Francesco Cilea. Ci sono anche alcune opere di Giuseppe Verdi che amo interpretare, così come alcuni degli incredibili repertori tedeschi di Richard Wagner, Ludwig van Beethoven e recentemente di Richard Strauss. Tra i compositori italiani, Puccini è un maestro nella scrittura per la voce operistica…Ma per me è difficile sceglierne soltanto!

Al giorno d’oggi, l’opera non è così popolare tra adolescenti e giovani. Pensi che l’uso di piattaforme di social media, come ad esempio Instagram (dove hai più di 25mila follower), possa aiutare le nuove generazioni ad apprezzare maggiormente l’opera e la musica classica?

Penso che le piattaforme di social media siano un modo eccellente per promuovere se stessi e, nel caso di artisti come musicisti e attori, è un modo meraviglioso di comunicare con il resto del mondo, inviare i messaggi giusti e anche condividere conoscenza. Non penso che i social media possano riuscire a portare più giovani e adolescenti nei teatri d’opera, ma sicuramente danno loro l’opportunità di diventare più consapevoli di questo stile musicale. Alla fine, l’educazione viene dalla famiglia stessa, e penso che sia responsabilità dei genitori dare ai loro bambini l’opportunità di scoprire l’opera direttamente a teatro, al cinema, o attraverso i tanti canali YouTube che offrono incredibili selezioni di musica classica e il canto operistico. Siamo tutti più aperti ad abbracciare i diversi generi musicali e a condividere questa conoscenza con le nuove generazioni.

Ringraziamo Katerina Mina per la sua gentilezza e disponibilità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *