• DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega).  Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

    DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

  • DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

    DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

  • DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

    DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

  • DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

    DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

  • DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

    DONTSTOP architettura (Michele Brunello e Marco Brega). Fotografie di Matteo Guidetti www.duvelfecit.com

Ciao & Bridge. The Common border of creation

4 settembre 2015 • Lifestyle

Il legame millenario tra le culture ha, oggi come ieri, forme di scambio legate alla cultura, il commercio, l’economia, lo sport l’arte e la politica. Questo scambio ha sempre alimentato la crescita reciproca e lo scambio tra l’Europa e la Cina che rappresenta il più antico e profondo rapporto tra culture evolute, e che ha trovato la giusta location presso l’aeroporto di Milano – Malpensa Sabato 5 Settembre.
Tuttavia lo scambio principale rimane quello tra le persone: Marco Polo che deve comunicare con Kublai Kahn, il commerciante Cinese che deve trattare lungo la via della seta con li capo-carovana nei caravanserragli, i marinai che nei porti dove arrivavano decidono di costruirsi nuove vite, i manger che trattano accodi commerciali. La somma di questi scambi individuali tra individui crea il rumore di fondo dell’umanità.
Il progetto Ciao&Bridge Project rappresenta questo rumore di fondo dell’umanità, che oggi avviene con i 3,3 miliardi di passeggeri aerei annui che viaggiano, e trova nella metafora dell’ideogramma cinese dal significato “Bridge” una pronuncia uguale al saluto italiano Ciao, che è diventata una della parole del linguaggio globale che va oltre i confini nazionali.
Un ideogramma che diventa parola che diventa suono transnazionale. Un ponte che è un saluto e che assume significato di ponte, tra culture, paesi, persone.
Ciao&Bridge Project promosso AirChina, unica compagnia di bandiera nazionale cinese, celebra l’arrivo del 50th airbus A330, evento che significa che Airchina e’ diventata il piu’ grande operatore del AirBus in tutto il mondo.
Sostenuto da Beijing Design Week, Beijing Tianzhu FreeTrade Zone and Slow Food China, “CIAO – Bridge, the common border of creation” è un progetto per celebrare il quarantesimo anniversario di relazioni diplomatiche tra Cina e Europa. E’ stato curato da DONTSTOP Architettura e sarà esposto all’areoporto di Milano Malpensa e successivamente presso il padiglione Slow Food a Milano EXPO. Il progetto include tre opere artistiche: di Katherine Xiao, Ludovica Anzaldi, Patrizia Piga e i bellissimi disegni fatti dai bambini di Venus kindergarten.

di Elena Frattaroli

[ssba]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *