Quando l’Haute Couture chiama, Parigi risponde

2 luglio 2017 • News Zoom

Puntuali come ogni anno, si ritorna dove tutto ha avuto inizio: a Parigi, ovviamente. La Capitale incontrastata di eleganza e raffinatezza si prepara ad accogliere le sfilate Haute Couture che sono alle porte. Evento di risonanza mondiale, grande fascino e tanto lusso. I riflettori sono puntati sulla preziosità dei materiali e sulle linee esclusive, frutto dell’estro creativo di sartorie leader nel settore.

L’onere di aprire le danze della Paris Haute Couture (dal 2 al 6 luglio 2017) per presentare i modelli della Fall/Winter 2017, spetterà a Ronald van der Kemp (in calendario dal 2015), seguito dalle più celebri casa di moda Proenza Schouler e Azzaro Couture. Lunedì 3 luglio sarà il turno di Schiaparelli (una delle colonne portanti della moda di inizio XX secolo), della giovane ma talentuosissima Iris van Herpen, dell’immancabile Christian Dior e degli italiani Antonio Grimaldi e Giambattista Valli.

Chanel aprirà il terzo giorno di sfilate, seguito da Ulyana Sergeenko (che ha da poco festeggiato il suo decimo anno di Alta Moda) e l’inconfondibile Giorgio Armani. Ma i nomi prestigiosi e più attesi non finiscono qui: mercoledì 5 luglio sarà la volta di Maison Margiela, Elie Saab con il suo stile unico, Zuhair Murad, e per concludere la giornata alla perfezione, delle sfilate firmate Valentino e Fendi.

Le soprese però non finiscono qui; Azzedine Alaïa tornerà infatti dopo sei anni di assenza di nuovo a Parigi durante la Haute Couture, ma sfilerà fuori dal calendario ufficiale della Fédération de la Haute Couture & de la Mode. Lo stilista tunisino di adozione francese presenterà la sua nuova collezione di Alta Moda mercoledì 5 luglio. Il calendario meno affollato rispetto agli anni precedenti darà più visibilità alle Case di Moda, conferendo la giusta attenzione ad ogni designer.

Questi caldi giorni di luglio accompagneranno le stelle del fashion system, i buyers di tutto il mondo, e i tanti giornalisti in arrivo nella Capitale francese per innamorarsi ancora una volta della moda con la M maiuscola: quella pura, unica, lussuosa, artigianale, cucita a mano. Quella che fa sognare.

di Federica Senatore

[ssba]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *