Volevo nascondermi: Elio Germano è Antonio Ligabue

27 Febbraio 2020 • Lifestyle, Movies

Volevo nascondermi: l’anima di Antonio Ligabue

Toni nasce in Svizzera, la sua infanzia è segnata dal dolore per la morte della madre e dei fratelli, e dalla malattia, che comprometterà la sua salute fisica e mentale per sempre. Dopo essere stato affidato a una famiglia adottiva tedesca, viene rimandato in Italia a causa di una violenta lite con la madre adottiva. È un emarginato, rachitico, il suo volto ricorda quello di un contadino, abbrutito dalla fatica e dalla privazione, fa fatica a esprimersi con parole umane, si dice sia un pazzo, un malato di mente, selvatico e schivo, proprio come gli animali da lui tanto amati e tante volte dipinti nelle sue tele: questo è il ritratto di Antonio Ligabue, un uomo che non ha nulla di comune, ma è tutto straordinario.

Il Van Gogh italiano: il dolore, la malattia, la vita

El Tudesc” (così lo chiamavano, poiché non sapeva parlare nemmeno una parola di italiano) vive in una capanna sulle rive del Po, libero, selvatico, e come ogni altro uomo o animale su questa terra, desidera soltanto essere amato. L’incontro con uno scultore rappresenta una grande svolta per la sua esistenza, grazie a lui infatti si avvicina all’arte figurativa e scultorea, che diventerà l’unico mezzo per rapportarsi con il mondo esterno e per esprimere la propria tormentata anima. Dopo l’ennesimo ricovero in un ospedale psichiatrico, le sue opere iniziano a riscuotere consenso, e in breve tempo raggiungono successo nazionale.

Elio Germano: un’interpretazione perfetta

Dal 27 febbraio al cinema, Giorgio Diritti e Elio Germano ci accompagneranno alla scoperta della travagliata storia di uno dei più importanti artisti italiani del XX secolo: Antonio Ligabue. Il regista, vincitore di due David di Donatello, porta sul grande schermo una storia di diversità, di voglia di riscatto e autoaffermazione, resa ancor più convincente e speciale dall’interpretazione dell’attore protagonista, il magnifico Elio Germano, che si riconferma come uno dei volti più talentuosi del cinema italiano.

 

di Alessandra Baio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *