Love Stories, la mostra virtuale di Francesco Vezzoli

14 Maggio 2020 • Art, Lifestyle

Dall’11 maggio 2020, la mostra virtuale Love Stories – A Sentimental Survey by Francesco Vezzoli al via sull’account Instagram di Fondazione Prada. Più di una semplice mostra, questo progetto innovativo è un esperimento a grandezza naturale curato da Eva Fabbris.

Francesco Vezzoli, più di un artista, un brillante esploratore

Dopo “Comizi di Non Amore” (2004) e “TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai” (2017), la Fondazione Prada presenta l’opera di Francesco Vezzoli “Love Stories”. L’esploratore dei legami tra l’arte contemporanea, la cultura di massa e lo star-system, offre una maniera nuova di lottare in questo periodo di crisi con l’arte. Grazie al linguaggio dei social media, l’artista italiano vuole osservare lo stato emotivo, amoroso e psicologico di una comunità online.

“Sperimentare un nuovo territorio di condivisione di idee, visioni e impressioni sull’amore, il sesso, l’identità, il corpo, la solitudine, l’appartenenza, l’alterità, il futuro”. Questo è l’obiettivo di Francesco Vezzoli secondo il comunicato stampa di Fondazione Prada. Rimanendo fedele all’immaginario visuale pop che ama così tanto, l’artista milanese da forma a la nostra ossessione di popolarità. Affronta le preoccupazioni in corso con l’ambiguità fondamentale della verità, il potere seduttivo dal linguaggio e l’instabilità dell’essere umano.

Il funzionamento della mostra virtuale Love Stories

Il progetto interattivo invita la comunità Instagram a partecipare. Ogni settimana, l’artista Francesco Vezzoli farà delle domande attraverso l’account di Fondazione Prada. I follower potranno rispondere a un sondaggio riguardante un’immagine di coppia, scegliendo una delle due opzioni. Utilizzando foto che creano cortocircuiti visivi e descrizioni interpretative, l’artista italiano interrogherà la comunità online. I sondaggi saranno basati su una tematica ispirata dall’aria di un’opera di compositori famosi come Giuseppe Verdi o Giacomo Puccini.

Tutte le settimane, i risultati saranno commentati da una personalità di spicco del mondo della cultura, dell’arte, della moda, del cinema, della musica o della comunicazione. Ognuno di loro proverà ad interpretare le risposte, decifrare le emozioni dei partecipanti per poter abbozzare il ritratto della comunità. Un gioco, di primo acchito, facile e leggero, che potrebbe rivelarsi molto significativo in questo periodo storico di circostanze eccezionali.

Un’esperienza in sintonia con i tempi

In tempo di contenimento mondiale, le iniziative si moltiplicano per alzare il morale della gente. I social media sono al centro di tali azioni. Secondo il direttore generale di Instagram, Adam Mosseri, il numero di video in diretta è più che raddoppiato in Italia dall’inizio della quarantena. L’app è soprattutto diventata un social media stimolante, di condivisione.

Gli esempi sono molteplici, a cominciare da Marina Cacciapuoti che ha lanciato l’hashtag #ItalyFromAWindow, condividendo foto delle sue viste in quarantena sull’account Italy Segreta. L’artista Hey Reilly, notato su Instagram da Silvia Fendi tra l’altro, prosegue col dirottamento di foto. Svela immagini di James Bond con la mascherina o della Regina d’Inghilterra con i capelli dei colori della bandiera italiana. Anche nel mondo della moda le iniziative sono numerose, come quella dello stilista francese Jacquemus e l’hashtag #jacquemusathome, che invita i suoi follower a ricorrere alla loro creatività per divertirsi a casa.

Love Stories, il riflesso di un pensiero artistico e sociale

Non c’è da stupirsi, quindi, se Francesco Vezzoli ha scelto Instagram per la sua mostra virtuale Love Stories. Il suo progetto decisamente moderno si inserisce perfettamente nella tendenza attuale: immediato, creativo, collaborativo. Questa iniziativa rispetta proprio le parole scritte sulla pagina Instagram di Fondazione Prada: “physically closed, but virtually active”.

Come avrete capito, l’approccio dell’artista milanese è un po’ diverso; nel senso che non vuole solo intrattenere. L’idea alla base del progetto Love Stories è l’indagine sociale. Francesco Vezzoli incoraggia una riflessione artistica con un pizzico di provocazione intellettuale. Non perdete dunque l’occasione di scoprire la mostra virtuale Love Stories – A Sentimental Survey by Francesco Vezzoli sulla pagina Instagram di Fondazione Prada.

 

di Léa Voirin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *