“Diari aperti”: il tour di Elisa al Forum di Assago

26 Novembre 2019 • Lifestyle, Music

Chi dice di non aver mai pianto ascoltando Elisa mente

Chi non si è mai emozionato ascoltando una canzone di Elisa? Impossibile non sentirsi profondamente toccati dalla sua voce, così potente e fragile allo stesso tempo.

Una punta di diamante della musica italiana

L’artista giuliana non ha bisogno di presentazioni; conosciutissima e amatissima anche fuori dall’Italia, ha alle spalle una carriera di quasi 20 anni di esperienza, nel corso dei quali è diventata un vero e proprio punto di riferimento, un grande classico della musica italiana contemporanea.

Elisa Toffoli (all’anagrafe) ottiene infatti il suo primo contratto discografico alla precoce età di 17 anni, essendosi dedicata alla musica fin dalla tenera età di 11 anni. Basti pensare che il suo primo disco Pipes and Flowers, di cui ha scritto tutti i testi e tutte le musiche, ha vinto il quadruplo platino (e lei aveva solo 20 anni).

Una vita e una carriera dedicate alla musica

Vincitrice di numerosi premi come il Festival di Sanremo nel 2001 e la Targa Tenco per il suo primo album, Elisa, polistrumentista, produttrice, cantautrice, compositrice, fotografa, doppiatrice, regista di videoclip, scrittrice e madre di due figlie, ha fatto davvero molta strada da quando a 13 anni lavorava come shampista nel negozio della madre.

Il suo ultimo album, “Diari Aperti”, e l’omonimo tour vogliono essere una summa della sua vita e della sua carriera, attraverso i “quaderni”, i “diari”, pieni di pensieri, disegni e idee, che la cantante ha composto fin da piccola. Questo album, attraverso sound diversi e inediti, affronta temi prettamente autobiografici che Elisa, con le sue parole semplici e profonde e la sua interpretazione emozionata, riesce a rendere trasparenti e universali.

Il concerto del 27 novembre all’Assago Forum di Milano sarà un’occasione per tutti i fan di Elisa (e per tutti gli amanti della buona musica) di ascoltare i suoi nuovi successi, come “Se piovesse il tuo nome”, “Tua per sempre” e “Vivere tutte le vite”, e di ripercorrere la sua storia, artistica e privata, fatta di musica e amore e di amore per la musica.

 

di Alessandra Baio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *