BAFTA 2020: il trionfo di 1917 di Sam Mendes

3 Febbraio 2020 • Lifestyle, Movies

BAFTA 2020: 1917 di Sam Mendes trionfa alla Royal Albert Hall

Si è da poco conclusa a Londra la 73ª edizione dei premi BAFTA, l’annuale cerimonia che celebra le migliori opere cinematografiche, televisive ed interattive, selezionate e valutate dalla British Academy of Film and Television Arts. A fare gli onori di casa presso la Royal Albert Hall è stato quest’anno il conduttore televisivo e comico irlandese Graham Norton, egli stesso vincitore di ben cinque statuette tra il 2000 ed il 2012.

I vincitori

È Renée Zellweger ad aggiudicarsi il premio come miglior attrice protagonista; con la sua acclamata performance nel lungometraggio Judy, l’intramontabile Bridget Jones ha conquistato la giuria critica, confermando il risultato già ottenuto durante i recenti Golden Globes. Risultato rinnovato anche per il collega Joaquin Phoenix, miglior attore protagonista per la sua intensa interpretazione nei panni del protagonista di Joker. Premiati come miglior attrice e miglior attore non protagonisti sono stati rispettivamente Laura Dern (Storia di un matrimonio) e Brad Pitt (C’era una volta a…Hollywood).

Dopo la Palma d’Oro al Festival di Cannes ed il titolo di miglior film straniero ai Golden Globes, Parasite del regista Bong Joon-ho protrae il suo successo addizionando ai suoi plurimi riconoscimenti i premi per il miglior film in lingua straniera e per la migliore sceneggiatura originale. Trionfa come miglior film d’animazione Klaus – I segreti del Natale, scritto e diretto da Sergio Pablos e distribuito da Netflix come suo primo film d’animazione originale.

1917: sette statuette conquistate dal nuovo film di Sam Mendes

Grande trionfatore della serata è stato senza dubbio 1917, lungometraggio del regista Sam Mendes (già vincitore nel 2000 del premio Oscar per la regia del film American Beauty). Nominata in nove categorie, la pellicola si è aggiudicata ben sette statuette (miglior film, miglior film britannico, miglior regista, miglior fotografia, miglior scenografia, miglior sonoro, migliori effetti speciali) risultando l’opera maggiormente premiata della serata.

 

di Giulia Molteni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *