Cuccarini e Ingrassia: vent’anni dopo, un nuovo debutto insieme

3 aprile 2018 • Interviews

La prima volta insieme ce li ricordiamo ancora nei panni di Sandy e Danny tra giacche di pelle, gonne larghe, capelli ingellati e sound anni ’50. Questa volta, vent’anni dopo, Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia ritornano sul palcoscenico insieme, ma in un contesto completamente nuovo. Coppia alle prese coi problemi quotidiani della famiglia media, si cimentano nella prosa con uno spettacolo ironico, intelligente e appassionante, firmato dalla regia di Gabriele Pignotta. Proprio in occasione della presentazione di Non mi hai più detto ti amo al teatro Manzoni di Milano, Lorella e Giampiero hanno risposto ad alcune domande sul loro grande ritorno a teatro.

La storia di questo nuovo spettacolo è tutta incentrata su di una famiglia dell’Italia contemporanea. Quali pensate siano i problemi più comuni che si trova ad affrontare una famiglia oggi?

L: Non credo che i problemi di oggi siano diversi da quelli di ieri, sono dinamiche abbastanza universali. L’idea di raccontare la famiglia De Angelis ambientata ai tempi nostri in realtà vuole un po’ raccontare la famiglia in senso lato: la relazione fra marito e moglie, quello che si mette in gioco nel quotidiano, il rapporto con i figli. Per cui certamente, anche se questa commedia è molto calata nei nostri tempi (e proprio per questo il pubblico l’ha apprezzata con tanto entusiasmo), le dinamiche familiari si ripetono uguali nel tempo.

G: Abbiamo visto dal mini tour di questa estate quanto il pubblico abbia amato lo spettacolo. Spesso a fine commedia ci venivano a dire che anche loro litigavano allo stesso modo con la moglie o il marito, di qualsiasi età fossero. Proprio a significare come questi legami familiari rimangano universali.

Una domanda per Lorella. La mamma che interpreta si chiama Serena, cos’ha in comune con lei? Si è rivista in qualche tratto in particolare?

L: È chiaro che, ogni volta che porti un personaggio sul palco, vai sempre un po’ a pescare dalla tua vita personale. Chiaramente, essendo moglie e madre, ho messo tutta la mia esperienza sul piatto. Devo dire però che Serena ha anche tanti aspetti diversi da me: è una donna che si è praticamente annullata per la famiglia e questo, ad un certo punto della storia, peserà su di lei e sull’equilibrio dell’intero nucleo familiare. Però comunque, in qualche modo, la figura della moglie e della madre come pilastro centrale della famiglia mi assomiglia. Sì, mi piace poter essere un punto di riferimento, anche se poi io non ho mai smesso allo stesso tempo di sognare e rincorrere i miei progetti, per cui da questo punto di vista sono molto diversa.

G: Io comunque mi ritrovo marito della Cuccarini e non è poco, attenzione! (ride ndr.)

Giampiero, cosa ha apprezzato di più della regia di Gabriele Pignotta?

G: Pignotta è innanzitutto un attore, cosa fondamentale, regista e autore del testo. Insomma, una triade davvero positiva. Gabriele ascolta molto, non impone le cose e si scelgono le scene insieme; se qualcosa non lo convince, lo si risolve sempre insieme. Questo è stato decisamente un punto a nostro favore perché, al di là del piacere mio e di Lorella di ritrovarci sulla scena insieme dopo vent’anni, c’era anche la necessità di un testo bello e di qualcosa di nuovo con cui confrontarsi.

L: Concordo, i personaggi erano già di per sé molto belli, ma con lui sono stati ancora più tagliati addosso.

Un’ultima curiosità: Lorella, è partita con il grande successo di Grease e ora, dal musical è passata alla commedia. Quale di questi due generi preferisce?

G: Secondo me il mimo!

L: (ride ndr.) Non si può fare una classifica: il teatro è teatro. Amo profondamente il musical perché ho iniziato con quello, e continuerò a farlo. Questa però era un’esperienza che mi mancava e che sono stata felicissima di fare. Soprattutto sono stata molto contenta di farla con Giampiero, perché è stato un altro debutto insieme: dopo il musical, la prosa. È stato bello avere un compagno così, non soltanto è molto preparato, ma è anche una persona con cui ho grande affinità, fuori e dentro il palco. Credo che il rapporto che abbiamo fuori in qualche modo ce lo trasportiamo sulla scena.

G: Siamo la coppia più bella del mondo!

Ringraziamo Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia per la loro grande disponibilità, li troveremo dal 5 al 22 aprile al teatro Manzoni con Non mi hai più detto ti amo, e auguriamo loro un grande in bocca al lupo!

di Gaia Lamperti

[ssba]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *