GIOADRI, Milano – Argentina

10 Dicembre 2013 • Fashion, Interviews

GIOADRI sta per Giorgia Frigerio e Adriana Carrettoni.

Milanesissima la prima, argentina la seconda. Le accomunano studi in architettura e una passione viscerale per la moda, che nel 2008 ha portato alla registrazione del marchio GIOADRI.

Una costante ricerca nei tessuti e nelle forme, e l’ intuizione che il concetto di cm-metro, stoffa-moquette, schizzo-bozzetto non erano poi così lontani. Minimalismo, rigorosa pulizia nelle linee, tagli quasi geometrici, sicuramente studiati e mai casuali.

1 . In cosa riassumete la collezione per questo Inverno 2014?
L’ispirazione ci è venuta dalle dive del cinema italiano anni ’50, dalla loro personalità e carisma. Una Anna Magnani per esempio. Décolleté importanti valorizzati senza paure e un utilizzo di tanto pizzo, velluto senza dimenticare il jersey, tutti in versione rigorosamente stretch, per consentire un accompagnamento delle linee e garantire una vestibilita’ perfetta.

2. Tre capi cult GIOADRI di questa collezione.
La tuta, da quella in pizzo doppiato nude, a quella scivolata backless in jersey lurex.
La tunica, taglio geometrico, corta o lunga quanto basta da consentirne il doppio uso, dal minidress ’60ies a una declinazione più seventies su print pants scampanati.
E poi, il nostro must di sempre, il pantalone in jersey. Stretto, a palazzo, o scampanato. Semplice e basic o con inserti in pizzo laterali, black o tinta unita come ultra printed.

3. Qualche anticipazione sulla prossima primavera estate?
Colore, colore e ancora colore! Le forme sostanzialmente rimarranno, la formula del doppio  se non multiuso del medesimo capo rimane. Minidress scivolati con giochi ultracromatici, che all’occorrenza diventano maxi maglie o bluse. Suites easygoing che fanno subito sera con un tacco 12, mantenendo tutta la freschezza dei colori estivi.

4. Il vostro prossimo step?
L’ estero. Prima tocchiamo i confini, Spagna, Francia … E a guardare così la Russia non è poi così lontana!

…No, non la e’!

 

Federica Piacenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *