Gaultier firma una capsule La Perla

16 Febbraio 2013 • Fashion

 

Squadra che vince non si cambia. E se la squadra è formata da un fuori classe della moda come Jean Paul Gaultier e da un intramontabile marchio di lingerie come La Perla, allora, la vittoria è assicurata!

Per la primavera/estate 2013 Jean Paul Gaultier pensa ad una capsule collection in cui intimo sensuale e beachwear provocante si intrecciano alla perfezione.
L’estro creativo di Gaultier da vita a tre temi pensati appositamente per La Perla, senza perdere però i suoi tratti distintivi. In “Marin” infatti, riesce a mixare perfettamente il tocco “JPG” con lo stile La Perla, creando dei capi in tulle impalpabile in netto contrasto con le fasce orizzontali in pizzo che ricordano quello stile marinaro da sempre caro allo stilista. Il contrasto è reso ancora più netto dai colori, che variano da un’alternanza di nuances nude e blu e di nero e blu per la notte. La cura al dettaglio non manca e si presenta sotto forma di piccoli cuori trafitti e ancore, ricamati su culotte e reggiseni.

Con il tema “Rubans” Gaultier costruisce un immaginario in cui la protagonista è una donna femminile e misteriosa, sensuale ma elegante grazie ai disegni creati dai nastri di seta che impreziosiscono i body in tulle: rose e arabeschi sono i motivi principali rigorosamente in nero o c olor champagne.

Meno romantici e dal tocco iper-grafico i motivi principali scelti per il beachwear, che propone uno dei capi cult de La Perla, il Cage Bustier nelle varianti del bianco, rosso e nero; un costume intero che crea un effetto “gabbia” lungo i fianchi della donna e ne esalta le forme.

Infine, ricorre un altro tema classico dello stile Gaultier: il “tatouage imprimè”, una stampa tattoo in cui i intrecciano draghi, aquile e pugnali, sdrammatizzati dalla presenza di rose e nastri su cui spiccano le firme del fortunato sodalizio. La palette di colori qui varia dal bianco e blu, nero e champagne al multicolore.

Romanticismo, sensualità e ironia si fondono perfettamente tra loro, proprio come la lingeriè con il beachwear, creando un binomio del quale nessuna donna potrà fare a meno.

 

(di Margherita Esposito)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *